Grazie Eccellenza.

Ascoltare gli interventi delle opposizioni è veramente illuminante, si perché per mesi e mesi ci hanno accusato di non portare progetti di legge importanti, di non dare seguito al programma di governo e oggi ci accusano di portare nell’assestamento di bilancio provvedimenti da campagna elettorale!

Quindi, secondo alcuni esponenti delle opposizioni, saremmo in campagna elettorale.

In realtà siamo in una campagna referendaria che non ha niente a che fare con una campagna elettorale, ma pare proprio che per alcuni consiglieri dell’opposizione sia la stessa cosa e infatti confondono molto le acque e le idee dei cittadini.

E non se ne può più di ascoltare gli attacchi violenti e velenosi, pieni di bugie e illazioni, che arrivano sempre dai banchi delle opposizioni, ora verso SSD, poi verso Repubblica Futura e non mancano nemmeno per  Civico 10, e il bello è che a tutte queste accuse vergognose e infamanti la maggioranza non può rispondere perché altrimenti si scatena il putiferio con lancio del fango e altre cose indegne, e la gente non ne può davvero più di ascoltare queste parole di odio.

Tornando alla variazione di bilancio, in linea di massima gli interventi proposti nella legge di assestamento erano già previsti nella finanziaria 2019, che prevedeva decreti specifici di applicazione.

  1. Ad esempio l’Art. 44 della finanziaria impegnava il governo sulla diminuzione della spesa della PA e poneva la data del 31 marzo come tempo massimo per la concertazione con le organizzazioni sindacali. Il governo ha emesso delibera 13 del 27 marzo indica la riduzione complessiva. Nel secondo assestamento di settembre/ottobre si potranno avere ulteriori dati.

  2. L’art. 5 prevede agevolazioni fiscali per chi adatta il veicolo pubblico al trasporto disabili, con aliquota agevolata della monofase all’1% e altre agevolazioni fiscali

Gli emendamenti presentati dal Governo e dalla maggioranza prevedono

  • L’art. 2 bis, regime transitorio, per agevolare le piccole imprese sammarinesi e professionisti. Entrerà in vigore nel 2020

Al capo 3°, articolo 2 ter abbiamo 6 articoli di incentivi per le imprese, una serie di sgravi che avranno influenze sui prossimi esercizi, a fronte di investimenti rilevanti (almeno 1 milione di euro) e assunzioni nuove (da 10 a 20).

L’art. 2 quater, che sembra stia dando molto fastidio, prevede un reddito di sostentamento per le persone ultracinquantenni che hanno perso il lavoro. Mi stupisce che si siano levati tanti scudi contro questo provvedimento, accusato di essere addirittura un emendamento da campagna elettorale, senza campagna elettorale!

Io invece penso che sia un emendamento molto importante, perché chi perde il lavoro a 50 anni e più si trova in condizioni molto difficili e delicate, quando poi finiscono gli ammortizzatori sociali si rischia lo stato di povertà, perché non sono molte le ditte disposte investire su lavoratori che hanno pochi anni di attività davanti, a differenza dei lavoratori trentenni o anche quarantenni, e un intervento di questo tipo quindi è importantissimo!

Andatelo a dire alle donne, perché sono soprattutto donne, e agli uomini che hanno perso il lavoro a 55-56 anni e che nonostante gli incentivi non riescono a trovare un lavoro, andateglielo a dire che questo è un intervento pre elettorale e che secondo voi non andava fatto! Vale la pena? Ha chiesto qualcuno. Certo che vale, anche se fossero solo 5 persone!

L’emendamento aggiuntivo all’art. 5 bis indica di destinare i proventi delle multe per infrazione dei limiti di velocità rilevate con i nuovi autovelox vengano destinati alla manutenzione per la sicurezza della superstrada, e anche questo penso sia un bene.

Sono sicura che durante il confronto sull’articolato avremo modo di approfondire bene tutti gli argomenti e spero proprio che ci sia la possibilità di accogliere gli emendamenti utili al paese, da qualunque parte provengano, e di condividerne tanti insieme!

Marina Lazzarini