Intervengo brevemente prima di tutto per ringraziare il Segretario alle Finanze Eva Guidi per la puntuale relazione che ci ha esposto all’inizio di questo Consiglio, sulla visita della delegazione del Fondo Monetario Internazionale, una relazione importante e approfondita che mi pare abbiano ascoltato in pochi in quest’aula.

Il secondo motivo per cui intervengo è per fare una breve ricognizione sulle importanti azioni portate a termine solamente in questa ultima settimana dal Governo, visto che ci viene detto continuamente e in modo contraddittorio che non facciamo nulla, oppure che andiamo troppo veloci e che dobbiamo fermare le bocce…

Parto da giovedì scorso, il 7 febbraio 2019, giornata in cui è stato firmato a Palazzo Begni il Protocollo Attuativo tra la Repubblica di San Marino e la Regione Emilia Romagna in materia di Protezione Civile.

A firmare da parte italiana l’assessore alla Difesa del Suolo Protezione Civile e Politiche ambientali Paola Gazzolo e per San Marino il Segretario al Territorio Augusto Michelotti.

Una firma che costituisce un’ulteriore tappa di un percorso di collaborazione con l’ Italia, ed in particolare con la Regione Emilia Romagna, accomunate da caratteristiche morfologiche simili e quindi anche da rischi idrogeologici analoghi. Proprio questa somiglianza rende fondamentale gli accordi di reciprocità per intervenire insieme in caso di emergenza. Già la Protezione Civile di San Marino collaborava con la regione Emilia Romagna e questo protocollo crea le condizioni per una collaborazione più organizzata.

Venerdì 8 febbraio 2019 a Roma, Palazzo Chigi, si è tenuto un incontro tra la delegazione italiana, guidata dal Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, On.le Giancarlo Giorgetti, dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, Prof. Giovanni Tria, e da rappresentanti del Ministero per gli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale, con la Delegazione sammarinese, composta dal Segretario di Stato per gli Affari Esteri, Politici e Giustizia, Nicola Renzi, il Segretario di Stato per le Finanze e il Bilancio, Eva Guidi, e il Segretario di Stato per l’Industria e il Lavoro, Andrea Zafferani.
In questo importante incontro, sono stati affrontati numerosi temi che riguardano la cooperazione tra i due Paesi, temi che daranno i frutti nei prossimi mesi.

Oggi, mercoledì 13 febbraio, San Marino e Ravenna hanno firmato a Palazzo Begni un accordo di reciprocità sui temi della disabilità. Il segretario alla sanità, Franco Santi e l’assessore al Turismo Giacomo Costantini, davanti all’Ambasciatore d’Italia a San Marino Cerboni, hanno siglato il Protocollo Operativo per l’utilizzo sui reciproci territori delle carte PIÙPERTE, la carta inaugurata la scorsa estate a San Marino, e la CARTABIANCA per Ravenna.

Queste carte garantiscono alle persone con disabilità l’accesso gratuito e agevolato per servizi culturali quali cinema e teatro, ricreativi e sportivi, aderenti al circuito rivolto ai disabili. La firma dei dirigenti dei rispettivi dipartimenti turismo e servizi sociali sancisce una prima collaborazione con la Regione Emilia Romagna attraverso la città di Ravenna e l’Area vasta.

Questo accordo, a mio avviso molto importante, stabilisce la collaborazione tra territori limitrofi con l’obiettivo di “Creare città sostenibili” assicurando cure e accessibilità a chi ne ha più bisogno.

Infine, come ha riportato il consigliere Nicola Selva, nell’ultimo periodo sono stati assunti dieci nuovi medici alla Sanità, grazie alla legge approvata che ha creato a San Marino una situazione appetibile, in modo particolare per i giovani medici.

Mi scuso se non urlo e non lancio accuse, come da tempo va di moda in quest’aula, ma non è nel mio carattere e non credo che faccia bene a chi ci ascolta da casa e nemmeno a tutti noi, in quest’aula.

Grazie Eccellenza.