Noi di SSD siamo ben consapevoli che le prossime elezioni politiche a San Marino rappresenteranno una fondamentale svolta per il futuro economico e sociale del nostro Paese.
Per questo motivo abbiamo deciso far parte della coalizione adesso.sm dove, sin da subito, si è capito che l’azione da mettere in campo doveva fondarsi su due pilastri fondamentali: “rinnovamento” e “credibilità”. Il primo passo fatto è stato l’importante rinnovamento di tutte le liste elettorali che compongono la coalizione. Questo passaggio – va sottolineato – è avvenuto in maniera assolutamente naturale, lì dove persone di maggiore esperienza hanno fatto autonomamente un passo indietro per far posto a volti giovani e nuovi in grado di dare vita a un progetto di Paese che guarda al futuro.
È necessaria un’azione che punti con decisione al rilancio dell’economia di San Marino: c’è da rianimare un mondo del lavoro che ormai langue da troppi anni e per far questo si rende necessario ricominciare ad attrarre l’attenzione di imprenditori seri che possano essere intenzionati a investire in Repubblica.
In che modo? Prima di tutto salvaguarderemo il differenziale fiscale, quindi renderemo più agile e veloce il lavoro di Pubblica Amministrazione e Tribunale; troppa burocrazia, passaggi di mano inutili e personale mal distribuito rallentano il lavoro della P.A. e del Tribunale, e questo, è un aspetto che sicuramente crea molte remore in chi potrebbe avere intenzione di fare impresa nel nostro Paese.
Parallelamente, sarà nostra intenzione attuare diverse azioni quali: una maggiore informatizzazione dei cicli lavorativi, una ottimizzazione delle risorse umane nonché, prevedere due specifici provvedimenti legislativi: il primo atto a favorire e disciplinare la rotazione degli incarichi a tutti i livelli; e il secondo che provveda alla sospensione cautelare da ogni incarico istituzionale, nonché da ogni ruolo apicale in Enti in qualsiasi modo partecipati dallo Stato, per coloro che siano colpiti da atti di indagine o rinvii a giudizio per reati finanziari e di corruzione ai danni dell’amministrazione pubblica.
San Marino ha ormai superato un modello economico non più sostenibile, con il contributo di tutti ha riguadagnato un assetto legislativo e giuridico di Paese moderno, pienamente inserito nella comunità internazionale; ma ora c’è l’assoluta necessità di perseguire un modello di crescita innovativo con proposte concrete che guardino in prospettiva con il solo scopo di migliorare la qualità di vita di tutti i nostri concittadini.
Ciò che è importante capire è che non c’è più tempo, né per la dilagante e sterile demagogia proveniente dalla coalizione guidata da Rete, né possiamo permetterci un altro governo a guida DC con relativa restaurazione del vecchio modo di far politica che ha portato il Paese alla situazione attuale.
Io, personalmente, sono molto grato a Sinistra Unita, che mi ha chiamato per rendermi partecipe di questo importante progetto; questa è una occasione imperdibile per poter mettere in atto una forte e ormai indispensabile azione di discontinuità rispetto al passato. E l’unica coalizione in grado di garantire tale azione è senza alcun dubbio “adesso.sm”, perché capace di mettere in campo nuove idee, progettualità e concretezza.
Fabrizio Francioni (Sinistra Unita – SSD)